Osteria La vedova Ca d’Oro (Vaporetto Ca d’Oro) VOTO: 8-/10

209

 

Da ieri sera l’osteria Ca’ D’Oro detta “Alla Vedova” entra di diritto a far parte della nostra selezione di ristoranti preferiti a Venezia.

Difficile trovare un difetto a questa trattoria che mantiene il suo spirito veneziano intatto, quasi imperturbabile di fronte ai tanti turisti che l’affollano.

Ci troviamo a due passi della fermata del Vaporetto Ca D’Oro, la lunga via che porta dalla stazione a qui è forse troppo influenzata dal turismo e offre uno spettacolo spesso poco gratificante di negozietti mangia visitatori. Eppure Venezia ti stupisce anche in questo, vicino al caos di una via affollata, magari proprio dietro al Mc Donald, trovi un vicoletto nascosto alla cui fine si apre uno scrigno.

 

 

Eccola qui La Vedova, tutta legno, marno, tovaglie di carta e specchi. Piena di oggetti vecchi e inutili come ogni trattoria veneziana che si rispetti. Zeppa, all’ora dell’aperitivo, che qui a Venezia sembra non finire mai, di incalliti bevitori intorno al bancone.

 

Sorrido perché La Vedova mi ricorda quello che mi piace di Venezia. Il Bacaro, il cicchetto con un ombra, ma non per inciuccarsi, come si usa da noi. Qui bere fa parte della vita e un prosechin prima delle 18 non stupisce nessuno, se non i turisti più bacchettoni.

Le polpette (1,5 euro), uno dei piatti più famosi di questo ristorante, nascono proprio come cicchetto (aperitivo veneziano), e le potete assaggiare, insieme all’insalata di polpo, le verdure, le cozze gratinate, sarde in saor, crostini di baccalà e altre meraviglie, nella modalità aperitivo. Fritte, preparate con un ricco impasto di pane e dal sapore preponderante di aglio, al sugo o in bianco, le polpette della vedova sono uno spettacolo imperdibile. Non potete pensare di non cominciare la vostra avventura culinaria in questo ristorante con altro.

 

 

Per quanto riguarda i primi si continua con la tradizione. Gli ottimi spaghetti (cottura perfetta) alla Busara (10), un sugo di pomodoro con scampi di origine fiumana, la buona lasagna (fuori menu) al baccalà, le bavette al nero (10), i bigoli in salsa (10), gli spagetti alle vongole (10) e la pasta e fagioli nei mesi freddi.

 

 

 

Tra i secondi il fegato e le seppie alla veneziana (11), l’ottima frittura mista della casa (12), polpi in umido (11), le fantastiche schie (gamberetti di laguna). Tutti i secondi piatti sono serviti con una fantastica polenta.

 

 

 

 

 

Scarsa l’offerta di dessert (solo i zaleti, biscotti veneziani abbinati a un calice di vino dolce). Ma a venirvi in salvataggio c’è la splendida gelateria Grom, giusto a pochi metri di distanza. Simpatici i due proprietari, Renzo e Mirella.

Quasi obbligatoria la prenotazione.

 

Ca’ D’Oro, detta Alla Vedova

SERVIZIO: gentile ma sbrigativo (alla veneziana)

PARCHEGGIO: a Venezia? Fermata del vaporetto Ca D’Oro (20 minuti dalla stazione)

PREZZO: 30 euro

GIORNO DI CHIUSURA: chiuso giovedì e domenica a pranzo

INDIRIZZO:  Canareggio -3912 Ramo Ca D’Oro – Venezia

TELEFONO: 0415285324 (assolutamente d’obbligo la prenotazione)

BAGNO: non stupendo (uno dei due e all’aperto e se piove vi beccherete tutta l’acqua)

POSITIVO: cucina tradizionale a un buon prezzo, bellissima atmosfera veneziana, servizio cortese, buono anche per l’aperitivo

NEGATIVO: pochi piatti nel menu, dolci quasi assenti

PIATTO DA NON PERDERE: polpette!

 

{google_map}45.441194,12.334167{/google_map}

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Your custom text © Copyright 2024. All rights reserved.
Close