Quattro Archi (Milo-Paesi Etnei) VOTO: 7,5/10

41

 

Devo dire che i Quattro Archi non è proprio il tipo di ristorante che ti aspetti di trovare in Sicilia.

Milo è uno dei centri abitati più alti che ospita l’Etna. Il gruppetto di case, tra cui si trova i Quattro Archi, è incastonato tra le nere pietre vulcaniche, i vigneti della zona e un vecchio castagno.

Vale sicuramente la pena fare un giro quassù, e, se sarete fortunati come noi, da questa posizione si può sentire chiaramente il rumore del vulcano, distante solo pochi chilometri.

Ma veniamo al ristorante: segnalato dalla nostra mitica Slow Food, i Quattro Archi è un locale che, tanto per rendere l’idea, comincerei a descrivere definendolo “strano”. Alle pareti sono appesi oggetti che farebbero la felicità di un collezionista con il vizio per le cianfrusaglie di vecchia data.

 

 

Vecchi sci, cartelli stradali, foto in bianco e nero, televisioni che trasmettevano ai tempi di “non è mai troppo tardi” fanno bella mostra in ogni angolo del ristorante. A dir la verità, smaltito il primo entusiasmo iniziale, in un luogo del genere non mi sarei proprio aspettato di mangiare bene. Eppure la cucina si distingue per alcuni piatti veramente ben realizzati. Innanzitutto bisogna fare un plauso alla pasta fatta in casa, delle ottime tagliatelle provenienti da un piccolo pastificio che sa il fatto suo e arricchite dagli splendidi funghi della zona o da un sugo di maiale.

 

 

 

 

Ottimi anche gli antipasti: la consueta parmigiana di melanzane, la caponata, le verdure in pastella, i peperoni arrosto, le zucchine ripiene.

 

 

Tutti serviti a buffet. Poi la carne: lo stinco, presentato con un sughetto servito a parte, ricordava quelle bistecche di dinosauro che amavano disegnare Anna e Barbera nei loro cartoni animati. Un piatto veramente delizioso che non potete non ordinare se venite fino qui su! Ma se non mi volete dare retta potete comunque spaziare tra il coniglio alle erbe aromatiche, l’agnello in padella, o la pizza fatta nel vecchio forno a legna (che pare sia buona ma non l’ho mai provata!).

 

 

 

 

La cena viene accompagnata da un non troppo invadente sottofondo musicale, spesso Jazz ben scelto dal proprietario dei Quattro Archi.

Quindi direi che la cena ha stupito piacevolmente per la sua qualità e l’ambiente ha fatto da bella cornice alla serata.

Abbiamo poi registrato qualche problema con il servizio: il conto ci è stato portato senza che lo avessimo chiesto, di fatto impedendoci di ordinare il dessert (cassata, semifreddo al pistacchio di Bronte, crostate), ma l’empasse si è subito dissolta dopo una chiacchierata con il Sig. Saro, la cui passione per il proprio lavoro traspare in ogni angolo di questo locale sempre affollato. Quindi, per brindare alla sua salute, mi è stato offerto un buon bicchiere di distillato ai gelsi, le cui bacche sono state raccolte con amore dal lato femminile della famiglia Grasso e trasformate in ottimo distillato.

 

 

Che vi devo dire, salire sull’Etna è sicuramente cosa da fare, se poi a questa bella scarpinata automobilistica aggiungiamo anche i Quattro Archi, il viaggio non potrà che giovarne.

 

Quattro Archi

SERVIZIO: gentile, a volte con qualche sbavatura (ci è stato portato il conto senza darci la possibilità di ordinare i dolci!)

PARCHEGGIO: c’è un grande piazzale fuori dal ristorante

PREZZO: 25 euro

GIORNO DI CHIUSURA: mercoledì, il ristorante è aperto solo la sera

INDIRIZZO: Via Crispi 9 Milo

TELEFONO: 095955566

POSITIVO: ambiente da baita, pasta fatta in casa deliziosa, locale Slow Food, proprietario affabile, porzioni abbondanti, posizione sotto l’Etna

NEGATIVO: un ristorante atipico, ci spaventa sempre la modalità ristopiazza, alcuni tavoli sono un poco sacrificati, servizio da registrare

 

{google_map}37.726364,15.112681{/google_map}

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Your custom text © Copyright 2024. All rights reserved.
Close